Conto corrente ditta individuale: scegli il più adatto per te

Pubblicato da Redazione il

In questo articolo scoprirai quale conto corrente per ditta individuale potrebbe essere più adatto a te e alla tua azienda ma prima rispondiamo alla domanda più gettonato a riguardo.

Il conto corrente per ditta individuale è obbligatorio?

No, non esiste alcun obbligo e puoi benissimo non aprirne uno e usare il tuo conto che utilizzi come persona fisica.

Tuttavia, un conto corrente per impresa individuale rappresenta uno strumento utile per suddividere la gestione delle tue finanze aziendali da quelle personali.

Dunque, anche se non è obbligatorio, la tua ditta individuale dovrebbe comunque avvalersi di un buon conto corrente, a nostro avviso.

Proseguendo la lettura di questa guida, scoprirai quale conto per impresa individuale potrebbe fare al caso tuo.

Miglior conto corrente per ditta individuale: esiste davvero?

Non esiste il miglior conto corrente per ditta individuale in assoluto perché le esigenze di ciascuna impresa sono differenti.

Ciò significa che potremmo parlare di conto corrente dedicato a una ditta individuale che meglio si adatta alle esigenze della tua impresa. Quelli che trovi di seguito sono tutti ottimi conti che dovrai valutare uno ad uno, così da trovare la soluzione migliore per te e la tua impresa individuale.

Per ogni conto corrente bancario troverai informazioni dettagliate che ti aiuteranno in questa scelta.

Conto corrente impresa individuale – Qonto

conto corrente online qonto

 Il conto aziendale online Qonto offre tante funzionalità utilissime per gestire le finanze della propria ditta individuale in modo efficiente e semplice. Si tratta di un conto con IBAN italiano che permette di effettuare e ricevere bonifici SEPA e addebiti diretti.

Puoi anche inviare e ricevere fatture elettroniche e addirittura pagare in automatico quelle dei tuoi fornitori.

Ti permette, inoltre, di digitalizzare fatture e ricevute, categorizzare le spese e assegnare un accesso al tuo commercialista.

Puoi accedere al tuo conto in ogni momento, impostare limiti di spesa e attivare carte prepagate.

Conto corrente aziendale per ditta individuale – Finom

conto finom per snc

Finom è un conto online che si rivolge a liberi professionisti, piccole aziende ed è quindi perfetta per ditte individuali.

Nato come servizio di fatturazione elettronica, mette a disposizione anche conto business online che si adatta alle esigenze di tipologie d’aziende differenti, dalle più piccole alle corporate.

Avrai a disposizione un IBAN italiano, potrai gestire e monitorare costantemente le spese della tua attività oltre a ricevere un cashback del 5% sui tuoi acquisti.

Potrai anche richiedere l’attivazione di carte di debito VISA gratuite, fisiche o virtuali.

Conto corrente ditta individuale online – Tot

Il conto online Tot, ottimo anche per una ditta individuale, offre svariate opzioni di pagamento. Avrai a disposizione una con carta di credito Visa Business (che è possibile utilizzare anche come carta di debito) e potrai effettuare bonifici (sia SEPA che internazionali), pagare gli F24 e il bollettini pagoPA.

Potrai anche tenere traccia delle spese aziendale tramite il pratico e funzionale sistema di tracking delle spese e ricevere notifiche in caso di cambiamenti nel tuo piano di spesa.

Il conto Tot è realizzato in collaborazione con Banca Sella e il primo mese puoi provarlo in modo totalmente gratis.

Per attivare il conto Tot basteranno pochi minuti.

Ricorda di tenere a portata di mano i documenti, la cui approvazione avverrà velocemente.

Conto corrente dedicato ditta individuale – Hype Business

Finalmente anche Hype ha pensato alle aziende ed ha creato Hype Business, un conto online con carta prepagata.

Puoi monitorare le spese e creare dei veri e propri piani di risparmio per accantonare denaro da destinare a progetti e spese future.

Potrai inviare e ricevere bonifici gratis, prelevare gratis con la carta in tutto il mondo e gestire il tuo conto da app o pc.

Conto online ditta individuale – Intesa San Paolo

La soluzione business offerta da Intesa San Paolo, prende il nome di Conto BusinessInsieme.

Ti invitiamo a leggere con attenzione le caratteristiche del conto sulla pagina ufficiale.

Potrai scegliere tra 3 tipi di canone.

La scelta dipenderà dal numero di operazioni bancarie che hai necessità di eseguire per il tuo tipo di attività.

Conto impresa individuale – Poste Italiane

Poste Italiane, per le piccole aziende, offre Conto BancoPosta Business Link.

Con un canone mensile di 12 euro ha tutte le funzionalità del homebanking a portata di mano e una carta di debito inclusa.

I bonifici e i Postagiro sono gratis.

Conto corrente ditta individuale – Unicredit

Imprendo One è la soluzione offerta da Unicredit che, con un canone mensile di 16 euro, ti offre la possibilità di poter gestire il tuo conto tutti i giorni, a qualsiasi ora, online e su ATM evoluti.

Ti invitiamo a visitare il sito ufficiale per trovare altre informazioni.

Conto business ditta individuale – Mediolanum

Anche Mediolanum pensa alle ditte individuali con il conto Fredoom Più Professional.

Hai anche la possibilità di azzerare il costo del canone mensile, a patto che tu rispetti almeno uno di parametri:

  • giacenza media giornaliera superiore a 15.000 euro;
  • patrimonio gestito superiore a 30.000 euro.

Per maggiori informazioni, visita il sito ufficiale.

Conto corrente ditta individuale zero spese: ne esiste uno?

Un conto per ditta individuale totalmente gratuito e a zero spese, ovviamente, non esiste.

Alcuni conti online aziendali offrono piani molto convenienti (vedi Hype Business con un canone di 2,90 euro al mese) ma trattandosi di aziende che devono, per forza di cose, guadagnare e generare profitti, non troverai da nessuna parte un conto business a zero spese.

Conto corrente privato per ditta individuale

Puoi benissimo decidere di non aprire un conto dedicato alla tua attività e continuare a utilizzare il tuo conto personale per gestire le finanze della tua impresa.

Si parla di conto promiscuo quando utilizzi quest’ultimo per la tua impresa e per

Curiosità e informazioni

Per fornirti quante più informazioni possibile su questa tipologia di conto, in questa sezione dell’articolo trovi le risposte alle domande più frequenti sui conti aziendali per imprenditori individuali.

Se hai altre domande, puoi scriverle nel box che trovi alla fine dell’articolo e cercheremo di risponderti il prima possibile.

Il conto corrente ditta individuale va inserito nell’ISEE?

Si, le ditte individuali devono inserire nell’ISEE le informazioni relative al proprio conto corrente.

I dati sull’ISEE dell’impresa individuale sono utilizzati per il calcolo degli oneri o dei diritti tributari e per altri scopi statistici.

Pignoramento conto corrente ditta individuale per debiti personali

Si, il conto di un’impresa individuale può essere pignorato per debiti personali del titolare.

Verranno pignorati prima i beni dell’azienda e poi quelli personali del titolare.

Potranno essere oggetti di pignoramento i beni mobili, immobili e il conto corrente.

Si può cointestare?

Sai già che non esiste alcun obbligo per le imprese individuali di aprire un conto corrente dedicato all’attività ma è possibile anche utilizzarne uno personale o promiscuo (per spese personali e aziendali).

Inoltre puoi anche aprire un conto per impresa individuale cointestato con un familiare.

Quanto costa in media?

Il costo di un conto corrente per ditta individuale è molto variabile perché essenzialmente dipende dalle esigenze della tua attività.

Maggiore è il numero di operazioni che andrai a eseguire mensilmente (ad esempio i bonifici) e più alto sarà il costo.

Prendendo come riferimento i conti di cui abbiamo parlato in questo articolo e le esigenze di un’impresa individuale, il costo medio può variare dai 5 ai 30 euro al mese.

Chiusura conto corrente ditta individuale

Per chiudere un conto corrente basterà comunicarlo alla banca presso cui hai attivato il conto. Dovrai inviare una raccomandata con la tua richiesta di chiusura.

Conto corrente ditta individuale decesso titolare

In caso di decesso del titolare, la banca non procede alla chiusura automatica del conto. Dovranno essere gli eredi del defunto a farne richiesta.

Documenti apertura conto corrente ditta individuale

Ma cosa serve per aprire conto per impresa individuale?

I documenti necessari per aprire un conto per ditta individuale (sia online che presso una filiale fisica) sono essenzialmente due:

  • documento d’identità del titolare, come la carta d’identità;
  • documenti utili ai fini fiscali come la partita iva.

Si paga l’imposta di bollo?

L’imposta di bollo sui conti bancari per ditta individuale è pari a 34,20 euro annui che si applicano al titolare in quanto persona fisica.

Come si calcola la giacenza media?

La giacenza media annua di un conto corrente aziendale online per imprese individuale si calcola sommando le giacenze medie giornaliere e dividendo l’importo per 365.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *