Carta Hype Vs carta N26

Pubblicato da Redazione il

Carta Hype e Carta N26 si confermano anche quest’anno come 2 tra le carte più amate in Italia, soprattutto tra i più giovani.

Ma quale è preferibile all’altra? Rispondere a una domanda simile in modo netto è chiaramente difficile perché tutto dipende dalle tue esigenze.

In questo articolo confronteremo Hype e N26 per cercare di cogliere similitudini e differenze, analizzandone costi e funzionalità così da facilitarti la scelta.

Le caratteristiche in comune e le differenze tra Carta Hype e Carta N26

Iniziamo osservando le principali caratteristiche che accomunano le due carte, ricordando che si tratta di due prodotti che offrono prestazioni simili, ma con alcune differenze fondamentali, che vedremo passo dopo passo.

CARATTERISTCHEHYPEN26
Codice ibanSISI
CircuitoMastercardMastercard
Pagamento bollettiniSISI
Accredito stipendioSISI
Apple PaySISI
Google PaySISI
Pagamenti P2PSISI
Acquisto/Vendita BitcoinSINO

Tipologia: Hype (fondata dall’italiana Banca Sella) offre un conto online, che non è paragonabile a un conto corrente bancario, con carta prepagata virtuale o fisica. N26 (di origine tedesca) nasce invece come conto corrente online con carta di debito. Nonostante queste sottili differenze le due carte funzionano quasi allo stesso modo.

Attivazione e circuito: attivabili entrambe online, tutte e due le carte utilizzano il circuito MasterCard e quindi sono accettate in tutto il mondo.

Codice iban e bonifici: entrambe dispongono di un codice IBAN italiano. Carta Hype consente di effettuare bonifici SEPA e quindi esclusivamente all’interno dei confini dell’Unione Europea. Con N26 invece puoi fare bonifici anche esteri.

Compatibili con Apple e Google Pay: sono entrambe abilitate per ricevere il versamento di contanti e sono compatibili con i servizi di pagamento digitale Google Pay e Apple Pay, che possono velocizzare i pagamenti dallo smartphone tramite App.

Pagamenti P2P: sia con Hype che con N26 puoi trasferire denaro in modo istantaneo tra utenti che utilizzano lo stesso servizio. Quindi utenti Hype con altri utenti Hype e utenti N26 con altri utenti N26. Puoi addirittura inviare richieste di rimborso ai tuoi amici in rubrica che utilizzano la tua stessa carta. Questa funzione è particolarmente utile quando bisogna dividere delle spese.

Pagamento bollettini: puoi pagare bollettini, MAV, RAV, PagoPA e CBILL ed effettuare ricariche telefoniche.

Nessuna delle due carte è abilitata per il pagamento diretto dell’F24, anche se entrambe possono essere utilizzate su siti esterni come quello dell’Agenzia delle Entrate.

Se sin qui le tessere sembrano offrire servizi molto simili, quali sono in realtà le differenze che possono far propendere un utente per una carta o per l’altra?

Per capire se una carta fa davvero al caso nostro, dobbiamo individuare i servizi specifici che ci mette a disposizione e che la rendono perfetta per soddisfare i nostri bisogni.

Dal punto di vista del cambio valuta, Carta N26 risulta più conveniente per chi compie frequenti viaggi all’estero, perché applica commissioni più basse sui tassi di cambio.

Solo Carta Hype è abilitata per la compravendita di criptomoneta (Bitcoin) mentre N26 non offre la stessa possibilità.

Per contro, Carta Hype presenta un piano investimenti, che invece manca al piano di N26.

I costi di Carta Hype e Carta N26

HYPEN26
Costo mensile pianiStart: Gratis
Next: 2,90 euro
Premium: 9,90 euro
Standard: Gratis
You: Gratis
Bonifici europeiGratisGratis
P2PGratisGratis
Prelievi GratisGratis
BollettiniStart: da 1 a 2,15 euro
Next: da 1 a 1,99 euro
Gratis

Carta Hype prevede un piano base denominato Start, mentre N26 parte dal piano Standard, entrambi gratuiti.

Se si desidera passare alle versioni avanzate di entrambe le carte, il costo di Carta Hype Next è di 2,90 euro al mese, mentre Carta N26 You è disponibile al prezzo di 9,90 euro.

Ricordiamo che Carta N26 è una carta virtuale, pertanto se desideri ottenere anche la carta fisica, questa ha un costo di emissione pari a 10,00 euro per il piano Standard, mentre è gratuita se scegli il piano You.

Se si ricaricano le carte con bonifico, non si dovrà pagare alcun costo di ricarica, mentre con le carte del circuito Visa o Mastercard, viene applicata una commissione del 3% su Carta N26 e un costo fisso di 90 centesimi per il piano Start di Hype; gratuite invece le ricariche del piano Next, anche per chi ricarica con il Bancomat (opzione non disponibile per Carta N26). Infine, per la ricarica in contanti, la percentuale richiesta da N26 è pari all’1,5% dell’importo, mentre Hype presenta i costi fissi di 2,50 euro per le ricariche di Carta Start e 2,00 euro per le ricariche di Carta Next.

Se per effettuare i bonifici nell’area SEPA non occorre pagare alcun costo, la Carta N26 che prevede anche bonifici al di fuori dell’area Euro si avvale della tariffe Wise, quindi un bonifico costerà 0,8 euro.

Quando si utilizza la carta all’estero, vengono applicate delle commissioni: per il prelievo di contanti all’ATM in una valuta diversa dall’Euro, Carta N26 Standard applica una commissione dell’1,7% sull’importo, percentuale che sale al 3% per il piano Start di Hype.

Chi attiva invece le versioni avanzate, pagherà l’1,5% con Carta Hype Next o non pagherà alcuna commissione, se attiva il piano You di N26.

Sempre gratuiti, sono i pagamenti in valuta straniera effettuati con le carte di debito di N26, mentre con Hype, le commissioni sono pari al 3% con il piano Start e all’1,5% con il piano Next.

I prelievi di contante in Euro da ATM sono sempre gratuiti con Carta Hype, mentre la versione base di N26 prevede 3 prelievi gratuiti e i successivi al costo di 2.00 euro.

Il pagamento dei bollettini costa 1,80 euro con N26, mentre è gratuito per chi attiva il piano Next di Hype, ma non è previsto nel piano Start.

L’addebito diretto dei pagamenti nell’area SEPA è sempre gratuito, sia con carta di debito che con carta prepagata, ma in questo caso è disponibile solo per chi attiva il piano Next.

Carta Hype Vs Carta N26: i limiti a confronto

Dopo aver evidenziato le potenzialità di ciascuna carta, passiamo a esaminare i limiti di Carta Hype e Carta N26.

La prepagata di Hype può essere ricaricata con un massimo di 2.500 euro l’anno, se si sceglie il piano Start, mentre il limite di ricarica scompare del tutto, se si opta per il piano Next; la carta di debito di N26, invece, non pone alcun limite di ricarica, né per il piano Standard, né per il piano You.

Per quanto riguarda ogni singolo prelievo, il limite fissato da N26 per le sue carte è di 2.500 euro, una cifra decisamente superiore a quelle previste da Hype, sia nel piano Start, dove la somma è pari a 250,00 euro, sia nel piano Next, anche se in questo caso il valore sale a 1.000 euro.

Infine, i pagamenti con carta sono illimitati se si sceglie il piano Next di Carta Hype o pari a 999,00 euro con il piano Start, mentre per la Carta N26 il limite di pagamento è sempre pari a 5.000 euro.

Altri vantaggi

Carta N26 con il piano You offre una carta aggiuntiva, assicurazione di viaggio e mobilità per quando ci si trova fuori casa, assicurazione per gli sport invernali e possibilità di ricevere il cashback; il piano Next, dispone dell’abilitazione per il cashback e della protezione per gli acquisti online, oltre a quella contro il furto di denaro contante.

Carta Hype permette di aprire un conto deposito e richiedere prestiti.

Opinioni e conclusioni

Il confronto Carta Hype Vs Carta N26 mette in luce vantaggi e limiti di queste carte, che si rivelano valide e molto apprezzate dagli utenti. In sintesi, possiamo segnalare la convenienza di Carta N26 You per chi viaggia molto e N26 Standard per chi desidera tanti vantaggi gratuiti, mentre il basso canone mensile di Carta Hype Next risulta più che appropriato per i molti servizi aggiuntivi che offre.

Gli utenti si dichiarano soddisfatti delle carte, scelte in base alle proprie esigenze.

Categorie: Guide

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *