Come rinnovare la Postepay

Pubblicato da Redazione il

La Postepay è la carta prepagata con iban di Poste italiane che funziona su circuito Mastecard (Postepay Evolution) o su circuito Visa Electron (Postepay Standard che è prepagata gratuita).

Contrariamente a quanto potresti credere, rinnovare la carta Postepay in scadenza o già scaduta non è un compito così difficile. Anzi, si tratta di un’operazione gratuita, semplice e particolarmente veloce da fare. Una volta scaduta, riceverai infatti la nuova carta Postepay direttamente a casa senza fare grossi sforzi e perdere chissà quanto tempo, proprio come accade con le carte di debito e di credito degli istituti bancari.

Poste italiane provvederà a inviarti gratuitamente presso il tuo indirizzo la nuova carta Postepay, Standard o Evolution che sia non ha importanza.

Tuttavia ci sono delle utili informazioni da conoscere prima di passare al rinnovo della carta Postepay, per non farti trovare impreparato al momento della scadenza della tua carta. Notizie che troverai nei paragrafi successivi, informazioni importanti per sapere come muoverti esattamente quando la tua Postepay è scaduta o è prossima alla scadenza.

Allora passiamo subito a vedere come rinnovare Postepay, come attivare la carta nuova dopo il rinnovo e come recuperare il credito eventualmente residuo: ecco quello che devi sapere.

Carta Postepay: occhio alla data di scadenza

scadenza postepay

Innanzitutto una delle prime che devi fare è quella di controllare la data di scadenza della tua carta Postepay, un’informazione da ricercare nella parte anteriore della carta stessa. Una data di scadenza espressa con il mese e l’anno di riferimento: esempio 10/2022. In questo caso la tua carta scadrà l’ultimo giorno del mese di ottobre 2022, più precisamente il 31 ottobre 2022.

Superata tale data, la tua Postepay non funzionerà più e da quel momento non potrai più effettuare pagamenti, prelevamenti, trasferimenti di denaro e nessun’altra operazione legata alla carta. Ecco perché devi tenere bene a mente la data di scadenza e procedere per tempo con il suo rinnovo. Tra l’altro un compito non difficile, sono sufficienti soltanto un po’ di memoria, qualche minuto e una breve procedura.

Come rinnovare Postepay: le modalità consentite

Il rinnovo della carta Postepay è un’operazione possibile a partire da due mesi prima fino a diciotto mesi dopo la scadenza indicata sulla carta e, comunque, sempre un’operazione assolutamente gratuita.

Sono diverse le modalità consentite per rinnovare la carta, infatti Postepay può essere rinnovata:

  • direttamente online, se sei abilitato al servizio, attraverso l’area riservata del sito;
  • tramite il telefono, chiamando il numero verde gratuito 800.00.33.22 (servizio clienti Banco Posta e Postepay);
  • recandoti di persona presso gli sportelli degli uffici postali per regolare la tua posizione prima del rinnovo quando:
  1. il tuo documento di identità associato alla Postepay è scaduto;
  2. in caso di cambio di residenza anagrafica;
  3. se sei un cittadino extracomunitario;
  4. se appartieni a una delle categorie esposte politicamente (Pep).

La carta nuova sarà direttamente spedita tramite posta presso l’indirizzo della tua residenza, anche se i tempi non sono propriamente corti. Possono infatti volerci anche fino a circa 2 mesi per ricevere la nuova carta a domicilio.

Meglio allora muoverti per tempo per avere sempre a disposizione una carta Postepay attiva, funzionale e per fruire di tutti i relativi servizi. Procedere per tempo al rinnovo e alla successiva attivazione della nuova carta vuol dire continuare a fruire dei servizi di pagamenti, prelevamenti, trasferimenti di denaro e altro ancora senza lunghe interruzioni.

Attivazione nuova carta Postepay dopo il rinnovo

Una volta ottenuta la tua nuova carta Postepay hai il compito di attivarla, un’operazione da fare online direttamente dal sito oppure attraverso il numero verde 800.00.33.22 del servizio clienti BancoPosta e Postepay. Entrambe le modalità sono completamente a titolo gratuito.

Ti suggerisco, in ogni caso, di avere vicino sia la nuova che la vecchia carta Postepay per semplificare e accelerare la procedura. All’atto della nuova attivazione, il credito residuo della vecchia Postepay verrà automaticamente trasferito sulla nuova carta. Quindi nessun timore di perdere l’eventuale denaro residuo, sulla nuova Postepay infatti passerà il credito residuo senza alcun costo aggiuntivo.

Nei casi in cui invece dalla scadenza sono trascorsi diciotto mesi, per il recupero dell’eventuale denaro residuo dovrai necessariamente recarti presso uno sportello dell’ufficio postale e fare formale richiesta del tuo credito. Una volta attivata la nuova carta Postepay, puoi tranquillamente gettare la carta precedente e scaduta, facendo in modo di renderla inutilizzabile. In pratica dovrai tagliare la vecchia carta in piccoli pezzi prima di gettarla.

Come hai visto in quest’articolo rinnovare la tua Postepay non è affatto complicato, basta essere a conoscenza dei passi giusti da fare e seguire una delle modalità sopra riportate. Pochi minuti e un minimo di attenzione saranno sufficienti per ultimare l’intera procedura prevista in questi casi.

Categorie: Guide

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *