Prestiti con carta prepagata: si possono richiedere?

Pubblicato da Redazione il

Il mondo dei prestiti oggi propone una serie di finanziamenti di diversa natura e con differenti caratteristiche. Un ventaglio ampio di soluzioni che permette ai consumatori di fare la scelta più conveniente e soprattutto in linea con le proprie esigenze.

In un contesto simile è buona regola quindi informarsi sulle tante opportunità offerte dal settore, in modo tale di essere preparato in caso di necessità.

In tal senso devi sapere che oggigiorno puoi richiedere un prestito anche con carta prepagata, l’argomento che ti spiegherò con questo articolo. Di seguito troverai interessanti notizie su questa forma di finanziamento, a partire dal funzionamento fino alle principali caratteristiche.

Prestiti con carta prepagata: cosa sono

I prestiti con carta prepagata sono forme di credito che permettono ai titolari di una carta prepagata di accedere ai servizi finanziari e di dirottare sulla stessa le rate del finanziamento senza la necessità di sottoscrivere un classico conto corrente.

Una forma di prestito non ancora molto conosciuta e utilizzata, ma comunque possibile con uno strumento del genere. Le carte prepagate con iban sono dunque strumenti finanziari che consentono depositi di denaro, l’effettuazione di transazioni e l’accesso a vari servizi tra i quali, appunto, quelli di carattere finanziario.

Carte prepagate che generalmente prevedono costi annui di gestione molto contenuti e che danno la possibilità ai titolari di fruire di servizi simili a quelli garantiti dai conti correnti classici: acquisti, bonifici, accredito stipendio, etc.

Uno strumento finanziario che permette ai titolari di richiedere anche un prestito. Ma come funziona il prestito con carta prepagata? Te lo spiego subito di seguito.

Prestiti con carta prepagata: funzionamento

In genere la banche sono solite offrire i servizi finanziari esclusivamente ai titolari dei tradizionali conti correnti, il motivo per il quale il prestito con carta prepagata non è ancora particolarmente conosciuto e diffuso.

Tuttavia esistono forme di prestito anche con carta prepagata: finanziamenti di cifre molto basse, utili soltanto per le piccole necessità, e prestiti che invece prevedono la concessione di somme di denaro più interessanti, utili per fronteggiare magari degli interventi di ristrutturazioni o dei cospicui costi sanitari. Molto dipende dalla tua situazione reddituale, dall’età e dagli istituti di credito.

Quindi, anche se non hai la titolarità di un conto corrente, se l’istituto di credito di riferimento approverà la tua richiesta di prestito, il denaro ti sarà direttamente accreditato sulla tua carta prepagata.

Sulla stessa puoi poi veicolare le rate del prestito, finanziamento che puoi anche anticipatamente estinguere in base a quanto previsto dalle condizioni contrattuali sottoscritte con la banca o con la finanziaria prescelta.

Ovviamente pure i prestiti con carta prepagata devono essere concessi soltanto nel totale rispetto di precise regole: residenza nel nostro Paese dei richiedenti, il possesso del reddito da lavoro e della pensione e in base all’età anagrafica.

Rispetto all’ultimo requisito infatti è possibile richiedere un finanziamento solo al compimento della maggiore età e, in genere, il richiedente non dovrà superare i 75 anni di età alla data di scadenza del finanziamento.

L’istituto di credito di fronte a una tua richiesta di prestito con carta prepagata potrebbe anche richiederti la stipula di un’assicurazione, questo a tutela del finanziamento erogato in caso di successive problematiche (inattività per malattia, ricovero ospedaliero, decesso, etc.).

Il finanziamento con carta prepagata, come ogni altro, è estinguibile in base al piano di ammortamento previsto dalla stipula del contratto, a seconda del denaro richiesto il piano di restituzione delle rate può prevedere alcuni mesi o più anni.

Rate di rimborso del prestito che vengono addebitate sulla carta, un prestito che comunque, in certi casi, puoi estinguere prima della scadenza senza il pagamento di alcuna penale.

L’estinzione del prestito senza penale naturalmente deve essere prevista dal contratto di finanziamento. Ecco perché, prima di formalizzare il prestito con carta prepagata, devi prestare attenzione a ciascuna condizione prevista dall’istituto di finanziamento.

Prestiti con carta prepagata: pro e contro

Il prestito con carta prepagata si formalizza abbastanza velocemente, basta infatti poco tempo per l’erogazione del credito e per attivare la carta. Inoltre, non è previsto la titolarità di un conto corrente collegato alla carta.

Aspetti positivi ai quali però si contrappongono alcuni lati negativi. Un prestito con carta prepagata infatti non prevede l’erogazione di grosse cifre, gli interessi da pagare non sono bassi e sono previste limitazioni riguardo all’uso del capitale a causa del plafond della carta prepagata.

Al netto dei pro e dei contro, sicuramente queste forme di credito non sono ancora particolarmente diffuse, in quanto banche e finanziarie preferiscono i tradizionali finanziamenti legati ai conto correnti tradizionali.

Tuttavia se hai la necessità di un finanziamento senza la volontà di diventare correntista di una banca, allora il prestito con carta prepagata può fare al tuo caso.

L’importante è fare una piccola indagine di mercato per scegliere la soluzione a te più indicata.

Categorie: Guide

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *